Cerca

Regionali

Pro Roma, Mainelli: "Periodo difficile, speriamo di tornare presto"

Il pensiero del capitano giallorosso: "Questo stop è stato duro per tutti noi"

03 Febbraio 2021

Federico Mainelli

Federico Mainelli, capitano del Pro Roma

I campionati sono fermi ormai da un bel po’. Ma la voglia, da parte di tutti i giovani calciatori che sono fermi, quella è più viva che mai. È di questo pensiero il capitano della Pro Roma U17 regionale Federico Mainelli. Lui come gran parte dei suoi coetanei non vede l’ora di tornare in campo e di poter tornare a fare quello che più ama: “Le mie speranze, come quelle di tutti penso, sono quelle di poter riprendere il più presto possibile la competizione”. Una competizione che è  stata fermata dopo appena una giornata e che, nell’animo del capitano, ha lasciato un po’ di rammarico: " Senza dubbio questo periodo di stop è stato duro per tutti noi, in particolar modo dopo la sconfitta della prima di campionato, dopo la quale volevamo subito riprenderci per dimostrare il nostro valore e la nostra voglia di rappresentare la nostra società”. Una società, il Pro Roma, dove il giovane capitano è approdato in questa stagione. Entrare in una nuova società e prendersi subito la fascia di capitano non è semplice, ma il ragazzo si si è sentito subito a casa entrando nel mondo Pro Roma e di conseguenza ha avuto modo di conquistare tutti, dalla società al mister fino ai suoi compagni: “Devo ringraziare il mio mister Adriano Santarelli, allenatore a cui sono molto legato dal punto di vista calcistico e umano, e persona che mi ha offerto questa opportunità al Pro Roma, e molti dei miei compagni di squadra. Nonostante sia appena arrivato in questa nuova società, mi sono trovato molto bene con gli altri compagni che già facevano parte di questo gruppo, con il vice mister Ivano Vasco e soprattutto anche con la società stessa Pro Roma, che mi ha fatto subito sentire parte del progetto e della squadra”. Mainelli nasce come centrocampista ma, durante il suo percorso di crescita, il suo ruolo è cambiato e si è evoluto in quello di difensore centrale. Il difensore ha le idee ben chiare sui modelli da seguire sia dal punto di vista strettamente calcistico, sia dal punto di vista caratteriale e mentale: “Io personalmente ho sempre ammirato i grandi campioni del calcio ma, da ex centrocampista ormai naturalizzato centrale difensivo, ammiro i grandi difensori moderni che ho potuto seguire direttamente, in particolar modo Sergio Ramos e Thiago Silva, per la loro tenacia e la loro leadership, insieme a tanti altri. Come modello, però, per lo più mi ispiro al difensore del Paris Saint-Germain Marquinhos, per la sua completezza sia dal punto di vista della tenacia e della leadership, sia della tecnica e della determinazione”. Il ragazzo non ha solo le idee chiare sui modelli da seguire ma, ipotizzando un possibile rientro in campo prima della fine della stagione, segna le linee guida per gli obiettivi della propria squadra e,a livello personale, ci dice quali i sono i suoi obiettivi: “Ovviamente il mio obbiettivo da giocatore è quello di migliorare il più possibile e lavorare per coltivare e valorizzare le mie potenzialità - conferma il giovane talento del Pro Roma - Mentre dal punto di vista stagionale  invece spero di poterci allenare duramente e tranquillamente come prima della pausa, per poter esprimere al meglio le nostre capacità, per ambire ad un ottima posizione nel girone regionale”. Parola di Federico Mainelli.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni

Dalle altre sezioni