Cerca

l'intervista

Insieme Formia, Cardi "Ripartire con un nuovo format? Perché no"

Il difensore e capitano dei pontini riguardo la possibilità di una ripresa dei campionati non esclude di giocarli in maniera diversa

18 Febbraio 2021

Paolo Cardi

Paolo Cardi, capitano dell'Insieme Formia

Secondo un antico proverbio le giuste attitudini sono come dei destrieri: se li cavalchi, hai la possibilità di poter arrivare lontano; se li lasci nelle stalle, invece, non scoprirai mai che cavaliere sei. Questo un dubbio che non albergherà mai in Paolo Cardi, capitano dell'Insieme Formia che, nonostante la giovanissima età, dimostra di avere le idee ben chiare ed il coraggio di seguire fino in fondo. "La pandemia è stata una bella batosta per le convinzioni di tanti giovani - esordisce il difensore biancazzurro - ma non per le mie; so già di mio che probabilmente la mia carriera calcistica non decollerà mai come speravo fin da piccolo ma non per questo voglio mollare. Il calcio per me è sempre significato tutto e finché continuerò a divertirmi come adesso non lascerò mai il rettangolo verde. Questo è il mio primo anno con questi colori addosso e, sebbene le opportunità di giocare non ci siano state a causa di questo brutto momento, posso dire con orgoglio e fermezza che ho conosciuto tante belle persone e che insieme formiamo davvero un bel gruppo. In questo momento stiamo sostenendo ancora le ormai famose sedute individuali tuttavia il mister ed il suo preparatissimo staff cercano quotidianamente di differenziare il lavoro per tenerci sul pezzo e rendere meno monotono possibile il tutto. L'allenatore ha riposto in me la sua fiducia consentendomi di rappresentare i miei compagni in campo con la fascia di capitano e di questo sono molto orgoglioso: essere un buon capitano per me vuol dire sia stare sempre dalla parte della tua squadra, difendendone sempre i componenti quando necessario, ma anche rimproverarli costruttivamente se la situazione lo richiede perché è importante mantenere sempre un certo atteggiamento in campo. Per fare questo io devo essere il primo a dare il buon esempio e ogni giorno lavoro, oltre che dal punto di vista tecnico, sul mantenere la calma e la lucidità giuste per affrontare ogni difficoltà e sul non mollare mai per spingere il gruppo oltre i propri limiti. Mi ispiro molto a Francesco Totti per ricoprire al meglio questo compito: penso che lui è stato uno dei simboli e delle bandiere più importanti nel mondo del calcio che ha fatto innamorare molte generazioni di giovani calciatori. Per quanto riguarda la mia posizione in campo invece, dato che sono un difensore centrale che ama impostare il gioco dalle retrovie, traggo ispirazione da Sergio Ramos e da Virgil Van Dijk, due che fanno della loro qualità e del loro temperamento i maggiori punti di forza. Quest'ultimo anno ha cambiato notevolmente le nostre abitudini ed aumentato le nostre incertezze sia a livello calcistico che personale ma io credo che bisogna sempre cercare di guardare con ottimismo al futuro e nutrire speranza per quel che verrà ed in questo senso mi auguro vivamente che il vaccino possa assestare il colpo decisivo nella battaglia al virus. Se mai si dovesse riprendere questa stagione devo dire che non mi dispiacerebbe l'ipotesi di disputare solo il girone di andata con i play off alla fine: penso sarebbe un format molto stimolante che merita di essere preso in seria considerazione, anche perché il tempo è sempre di meno. In ogni caso, qualsiasi siano le modalità, la nostra squadra in caso di una ripartenza credo abbia il dovere di rendere onore alla nostra prima squadra militante in Serie D provando a lottare per il titolo; ne abbiamo le qualità e lo dimostreremo"

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE