Cerca

l'intervista

Citta di Ciampino, Passa "La voglia di tornare in campo cresce ogni giorno"

Il capitano e difensore dei rossoblù racconta sia come sta vivendo questa situazione che il suo trascorso breve nella Viterbese

04 Marzo 2021

Damiano Passa

Damiano Passa in azione contro la Cynthialbalonga (Foto ©Lori)

"La voglia di tornare a giocare è tanta e aumenta con il passare dei giorni, noi continuiamo ad allenarci con la speranza che potremmo tornare a fare ciò che più amiamo", sono le parole di Damiano Passa, difensore e capitano del Città di Ciampino. Damiano si è raccontato a 360 gradi, partendo dalla situazione delicata che stiamo vivendo fino ai prossimi obiettivi di squadra e personali: "Il momento attuale porta grande dispiacere, tanto per quello che sta accadendo al di fuori del calcio quanto per tutto quello che ruota attorno al nostro mondo. E' praticamente un anno che siamo fermi, tranne le prime tre partite di questa stagione e per le quali mi ritengo fortunato per averle giocate visto che ci sono squadre che non hanno neanche avuto questa possibilità per via dei vari contagi. Purtroppo questa stagione è andata così, non sappiamo ancora se e quando si ricomincerà, noi Città di Ciampino ci stiamo continuando ad allenare nell'eventualità che qualcosa possa riprendere, magari anche per un semplice torneo estivo che visto il momento sarebbe comunque un ottimo risultato. La mia esperienza al City? Gioco per questa società da quando ho 5 anni, mi trovo benissimo qui con tutti, dai compagni alla dirigenza. Per questa stagione sarei dovuto andare alla Viterbese, poi per una serie di vicissitudini sono tornato al Ciampino e devo dire che il gruppo di quest'anno mi ha particolarmente colpito, sono sicuro che avremmo potuto puntare ad un obiettivo importante. Conosco bene mister Di Cori perché diverse volte nell'annata precedente sono stato chiamato sotto età con lui, è un grande tecnico che ha preso questo gruppo e sono sicuro potrà fare molto bene con questa squadra. Allenamenti? Ci stiamo attendendo alle misure di sicurezza emanate che prevedono allenamenti a distanza e senza alcun contatto. Abbiamo mantenuto le tre sedute settimanali, non è semplice tuttavia allenarsi così perché si rischia di cascare nella monotonia senza avere quello sfogo finale della partitella. Per alleviare ciò ogni tanto facciamo qualche gara di tiri dal limite o di punizioni. Ho sentito della problematica dell'abbandono del calcio da parte dei ragazzi, fortunatamente non abbiamo avuto questi episodi del genere nel nostro gruppo". Carisma e tenacia: sono queste le caratteristiche che un buon capitano deve avere secondo Damiano: "Chi porta la fascia al braccio deve saper unire bene il gruppo, creare quella sintonia necessaria per fare in modo che tutti remino nella stessa direzione. Possono capitare episodi nei quali due compagni litigano in partita o durante un allenamento, il capitano deve intervenire in queste circostanze facendo in modo che tutti vadano d'accordo. Il confronto è naturale, fa parte dell'essere una compagine come tutte quelle dinamiche che compongono una gruppo. Il mio ruolo? Ho sempre giocato come difensore centrale da quando ho iniziato in Elite, qualche volta in precedenza ho fatto anche il terzino. Quando scendo in campo mi ispiro a Virgil Van Dijk, è uno dei migliori nel suo ruolo. Obiettivi? Per ora quello di migliorarmi, lavorare tanto per farmi trovare pronto, che sia per questa stagione o per la prossima. Ho fatto tante amicizie a Viterbo e spero di poter tornare anche lì, o comunque in qualche Primavera a partire dalla stagione successiva, sperando così di arrivare definitivamente nel professionismo".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE