Cerca

regionali

Fiano Romano, Caprioli: "Il traguardo è vicino ma non dobbiamo mollare"

Il tecnico rossoblù analizza la stagione disputata fino ad ora, con 3 giornate al termine, e il +6 sulla seconda, vuole chiudere i giochi il prima possibile 

11 Maggio 2022

Fiano Romano, Caprioli: "Il traguardo è vicino ma non dobbiamo mollare"

Alessandro Caprioli allenatore del Fiano Romano

Con poche giornate al termine del campionato, i ragazzi di mister Alessandro Caprioli sono molto vicini a chiudere l'annata centrando un traguardo importantissimo. Il testa a testa con la Spes Montesacro è durato per tutta la stagione, ma con 3 giornate al termine e con 6 punti di vantaggio il Fiano Romano si appresta a vincere il girone B. Il tecnico rossoblù però non vuole sentir parlare di obiettivo raggiunto, e vuole tenere alta la concentrazione dei propri ragazzi, fino all'ultimo minuto: "Siamo agli sgoccioli e i ragazzi lo cominciano a percepire. Gli ultimi due turni sono stati favorevoli per noi avendo approfittato del duplice passo falso della Spes Montesacro. Ora ci troviamo a +6 con la prospettiva di fare almeno 4 punti nei prossimi tre turni per eleggerci campioni del girone. Ai ragazzi l'ho già detto. L'obiettivo primo è festeggiare il prima possibile e (magari) in casa e questo non potrà avvenire se non attraverso una vittoria nella prossima gara. Chi vede calcio con assiduità é consapevole di quanto sia facilissimo passare da situazioni di relax e gioia ad altre caratterizzate da nervosismo e negatività. La Serie A di quest'anno ne é un esempio luminoso". Nella prossima sfida il Fiano Romano se la vedrà con il Real Monterotondo Scalo, una trasferta difficile contro una squadra in salute e, proprio per questo, mister Caprioli vuole tenere alta la concentrazione: "Per quanto riguarda la gara nel dettaglio, sono consapevole di affrontare una delle squadre più in forma al momento. Dal cambio allenatore credo abbiano perso solo due gare in trasferta e sono rimasti imbattuti in casa impattando anche contro una Spes Montesacro. Insomma, si tratta di un Real Monterotondo Scalo che rispettiamo e che affronteremo con la massima determinazione e la voglia di imporre fin da subito le nostre motivazioni. Anche loro ne avranno e questo renderà la gara bella, accesa ma sicuramente corretta". Il tecnico prima di concludere si sofferma poi sul suo gruppo, una rosa che lo rende estremamente orgoglioso: "É inutile dire che se ad oggi ci troviamo sopra di 6 lunghezze rispetto alla Spes, qualcosa di buono é stato fatto. Nei primi giorni di lavoro mi sono reso conto di avere tra le mani un gruppo con una caratteristica ben precisa: l'uniformità. Dispongo di 22 giocatori scelti ad inizio anno e mixati ottimamente per le loro caratteristiche tecniche. É per questo che ho provato sin dalla prima giornata a cambiare di domenica in domenica l'undici iniziale senza perdere identità. É inoltre indubbio che ho ricercato all'interno del gruppo alcuni punti fermi su cui costruire la squadra di cui oggi sono molto soddisfatto. La squadra ha sempre cercato di fare ottime prestazioni con l'idea di vincere le partite divertendoci e godendo delle nostre qualità. Quando al contrario la domenica risultava "storta", i ragazzi sono stati comunque audaci nell'accaparrarsi il massimo del risultato - prima di concludere si lascia andare ad un'ultima considerazione - Dati alla mano abbiamo mandato a rete 17 elementi su 20 (esclusi i due portieri) con solo uno in doppia cifra risultando comunque il miglior attacco del girone (ad oggi).Quando le cose vanno bene so di poter effettuare sostituzioni con la massima tranquillità e quando vanno male, so di avere carte valide per sbloccare lo stallo. Abbiamo fatto della coralità un punto di forza e arrivati ad oggi siamo consapevoli che il traguardo é vicino....sarebbe da stupidi e perdenti mollare proprio ora!".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE