Cerca

Focus

Savio - Vigor Perconti: una semifinale ricca di retroscena e ricorsi storici

Tanti gli intrecci nel passato tra le due squadre e i rispettivi allenatori che domenica si giocheranno un posto per la finale

20 Maggio 2022

Bolic e Mosciatti, tecnici di Savio e Vigor Perconti (Foto ©Photosportroma)

Bolic e Mosciatti, tecnici di Savio e Vigor Perconti (Foto ©Photosportroma)

La semifinale tra Savio e Vigor Perconti è caratterizzata da storie, retroscena, corsi e ricorsi storici che coinvolgono sia le due squadre che i rispettivi allenatori. Andiamo a scoprirle insieme. I blues sono i re di questa categoria, con ben nove titoli vinti, ma vanno a caccia di una finale che manca da ormai troppo tempo, precisamente dalla stagione 2013-2014 quando vinsero ai rigori contro l'Ostiamare. Dall'altra parte i blaugrana puntano invece al secondo titolo di categoria della propria storia e la quarta finale consecutiva, tra l'altro sarebbero tutte con allenatori diversi: Miccio, Bellinati, Persia e Mosciatti, caso più unico che raro. Allargando ancor di più lo sguardo, ecco che balza all'occhio un altro dato curioso che coinvolge entrambe le squadre. La Vigor Perconti dal 2009-2010 (escludendo ovviamente le due annate con stop causa Covid) non ha raggiunto la finale solo in tre occasioni e indovinate un po' chi ha vinto il titolo in quelle tre occasioni, proprio il Savio. Come dicevamo in precedenza, anche le storie dei due allenatori che si troveranno domenica uno di fronte all'altro, sono intrecciate tra loro. Alessandro Bolic (tecnico del Savio) è uscito per due volte in semifinale pareggiando ai supplementari, prima ovviamente delle nuove regole introdotte da quest'anno che prevedono campo neutro e calci di rigore in caso di pareggio nei 90'. L'ultima volta fu nel 2015-2016 proprio contro la Vigor Perconti, allenata ai tempi da Luigi Miccio, si trattava dei classe 2000 con cui i blaugrana vinsero poi l'unico titolo Allievi della propria storia. Quel Savio, i classe 2000, l'anno prima era allenato proprio da Riccardo Mosciatti, ora alla Vigor Perconti, che vinse il titolo Allievi Fascia B (allora così si chiamavano gli attuali Under 16) battendo in finale la Polisportiva Carso. Mosciatti ereditò quel gruppo da Eros Guglielmo, venuto purtroppo a mancare nel 2019, che lo aveva condotto l'anno prima fino allo scudetto Giovanissimi, ultimo tricolore conquistato dal club di Via Norma. Mentre Mosciatti vinceva il titolo Fascia B, Bolic allenava i classe '99, con il quale uscì ancora una volta pareggiando in semifinale, 2-2 contro la Romulea di Belardo. Tanti dunque i retroscena di questa sfida, come è normale che sia quando si affrontano due squadre e due allenatori di questo calibro, ma arriviamo ora anche ai temi dell'oggi. Ci saranno due corazzate una di fronte all'altra. Il Savio che ha dominato il Girone A e che ha poi eliminato la Cynthialbalonga ai calci di rigore nei quarti di finale, la Vigor Perconti che ha chiuso il Girone C dietro solo alla Lodigiani per la differenza reti e da imbattuta tra le mura amiche. Due formazioni che hanno collezionato numeri impressionanti sia dal punto di vista offensivo che difensivo, entrambe organizzate e complete sotto ogni punto di vista e con individualità importanti tra le proprie fila. Entrambe hanno dimostrato di saper reggere senza problemi la pressione delle fasi finali. I blues sono stati bravi a non farsi prendere dalla frenesia, pur non riuscendo a sbloccare la gara contro la Cynthialbalonga, mantenendo la calma e dimostrando poi una freddezza glaciale nella lotteria dei calci di rigore. I blaugrana hanno dato una grande prova di forza e di maturità superando per 3-0 un avversario di valore e difficile come l'Accademia Calcio Roma, capace di far fuori nel primo turno la Tor Tre Teste. Una semifinale che ci offre dunque prestigio, storia, qualità e quantità, ce n'è per tutti i gusti, con una domanda che attende di ricevere la sua risposta: chi volerà in finale?

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE