Cerca

pagelle

Atalanta-Roma, i voti: Silipo show, Bucri da impazzire!

Splendida prestazione del numero 10 giallorosso, autore di una doppietta. Il centravanti ancora decisivo, nella Dea applausi per Traore e Cortinovis

20 Giugno 2018

Cortinovis, protagonista della finale della Dea ©DeCesaris

Cortinovis, protagonista della finale della Dea ©DeCesaris

Cortinovis, protagonista della finale della Dea ©DeCesaris


ATALANTA

Gelmi 6 Compie una buona parata su Silipo, ma non riesce a neutralizzare il rigore dello stesso numero 10 giallorosso. Nella ripresa vola sul destro di Simonetti, poi non può nulla sulle altre due reti giallorosse


Bergonzi 6 Un po’ in difficoltà quando la Roma spinge dalle sue parti, se la cava senza sbavature alternando anche una discreta fase di spinta offensiva


Brogni 5 Poco ispirato il terzino sinistro agli ordini di Bosi, che si preoccupa più di cercare di tenere a bada le sortite in avanti di Bamba e company. Nel finale Bucri gli mangia in testa e segna il 2-3


Finardi 6 Il capitano storico dell’Atalanta torna titolare per sostituire lo squalificato Moukam. Lo fa mettendo in mostra le sue qualità sia impostando che interdicendo nella zona centrale del campo (16’st Galati 5.5 Entra con poca convinzione combinando poco (44’st Kobacki sv)


Okoli 6 Il gigante della difesa bergamasca fa sentire i muscoli a tutti gli avversari che si presentano nella sua zona. Svolge con ordine e diligenza i suoi compiti senza commettere errori


Milani 5 Rischia tantissimo sbagliando un retro passaggio che mette Silipo a tu per tu con Gelmi. Troppo impaurito, è sicuramente quello più in ombra della compagine nerazzurra


Traore 7.5 Un incubo continuo quando parte palla al piede e s’inserisce in area. Sfrutta al meglio la giocata di Cortinovis per realizzare, dopo una gran finta, la rete del momentaneo 2-1


Gyabuaa 6 Il trattore nerazzurro gioca una prima parte di gara eccellente, colpendo un palo sullo 0-0. Nella ripresa cala d’intensità e si vede di meno


Piccoli 7 È lui a sbloccare la finale con il quarto gol del suo incredibile percorso nelle fasi finali. Fa a sportellate con tutti lottando fino all’ultimo secondo, anche se nella ripresa cala alla distanza


IL MIGLIORE Cortinovis 8 Non avrà segnato ma che partita da parte del numero 10 orobico. Assolutamente fantastico, esattamente come la giocata che fa superando tre avversari e servendo poi a Traore un assist al bacio


Kichi 6 Sacrificio, volontà e tanti chilometri percorsi. Elemento aggiunto sia offensivamente che difensivamente, sbadato quando atterra Parodi in area e procura un rigore ai giallorossi (37’st Bertini sv)


ALLENATORE Bosi 6 La sua Atalanta inizia dominando la sfida, poi si lascia recuperare per due volte in pochi minuti, capitolando a tempo scaduto. Una finale gettata via


Silipo, MVP della finale con una doppietta strepitosa ©De Cesaris

ROMA

Cardinali 7 Sempre attento in ogni situazione, compie subito un buon intervento su Traore, poi legge bene tutti i palloni che arrivano dalle sue parti. Sui gol può poco


Parodi 7.5 Un ottima chiusura su Kichinda in avvio e una gara in generale ai limiti della perfezione. Spinge come un forsennato lungo l’out di destra, guadagnandosi anche il rigore dell’1-1


Semeraro 6.5 Meno in luce rispetto al compagno, ma soltanto perché impegnato più difensivamente. Sbaglia poco o nulla (32’st Calafiori 7 Entra giusto in tempo per offrire a Bucri il cioccolatino dello scudetto)


Santese 7 Un gigante al centro della difesa. Tenere a bada Piccoli non deve essere un compito facile, ma lui gli lascia davvero poco spazio a disposizione. Giusto il lampo dell’1-0, poi lo rinchiude in gabbia


Coccia 6 Non disdegna nella prima parte di gara, usando il carattere contro i temibili attaccanti avversari. Errore di lettura quando permette a Traore di lanciare Piccoli per il momentaneo vantaggio nerazzurro (1’st Laurenzi 7 Recuperato all’ultimo ma partito dalla panchina, il capitano giallorosso entra garantendo sicurezza al reparto difensivo)


Cataldi 6.5 Il filtro del centrocampo giallorosso gioca una discreta partita, non lasciandosi intravedere molto ma senza commettere sbavature. Esce acciaccato (21’st Molinari 6 Garantisce freschezza nella zona nevralgica del campo)


Meo 6.5 Scelto titolare da Baldini a centrocampo, il numero 7 giallorosso svolge bene il suo compito fino al momento della sostituzione (1’st Simonetti 7 Appena entrato lascia partire un destro che Gelmi salva alla grande. Per il resto prestazione di personalità)


Greco 8 Inesauribile il centrocampista giallorosso, un treno per tutto il corso della gara. Si sacrifica nel finale quando stremato fa anche fatica a correre. Nel primo tempo colpisce una traversa che trema ancora


Bamba 6.5 Meno devastante del solito, ma quando porta palla mette in apprensione quasi tutta la difesa dell’Atalanta, che cerca il raddoppio sistematico su di lui


IL MIGLIORE Silipo 9 Inizia la sua gara fallendo una grande chance davanti a Gelmi, ma si rifà con gli interessi segnando prima il rigore dell’1-1, poi la rete del 2-2 con uno splendido mancino dalla distanza. Costretto al cambio per un problema fisico (32’st Proietto sv)


Cangiano 7 Splendida la giocata che libera Semeraro per una potenziale occasione, poi prova a creare scompiglio lungo l’out di sinistra con le sue solite capacità tecniche. Non al 100% della condizione, Baldini lo sostituisce nei primi minuti della ripresa (10’st Bucri 9 Entra e segna con il Torino in semifinale, entra e segna allo scadere nella finale con l’Atalanta. L’uomo della provvidenza, giocatore decisivo)


ALLENATORE Baldini 10 Non ci era riuscito D’Andrea, non ci era riuscito Rubinacci, ci è riuscito lui. Dopo due delusioni consecutive, regala a questo gruppo e a se stesso un’immensa gioia, una gioia meritata. Azzecca anche stavolta i cambi: Calafiori e Bucri, entrati entrambi dalla panchina, confezionano il gol scudetto. Riporta il tricolore a Trigoria dopo tre anni, sconfiggendo una corazzata come l'Atalanta data da tutti come favorita

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE