Cerca

La rubrica

Lazio osservata speciale: c'è da curare il mal di trasferta

Finora due gare lontano da casa e altrettante sconfitte per la squadra di Fratini: contro lo Spezia bisogna interrompere l'emorragia "esterna"

26 Ottobre 2018

L'esultanza della Lazio contro la Juve (©Cippitelli)

L'esultanza della Lazio contro la Juve (©Cippitelli)

L'esultanza della Lazio contro la Juve (©Cippitelli)

Se è vero che del proprio campo una squadra dovrebbe farne sempre il primo punto di forza, dall'altra c'è da dire che una squadra vogliosa di puntare ai piani più alti della classifica, deve saper dare forma ai propri successi anche lontano da casa. Per quanto riguarda il primo concetto la Lazio merita voti pieni, per il secondo invece c'è qualcosa da rivedere. Almeno per il momento. Punteggio pieno tra le mura amiche per la squadra di Fratini, che però è ancora a secco in trasferta. Empoli e Fiorentina, rispettivamente seconda e terza in classifica, sono state le due avversarie che hanno mandato ko i biancocelesti nelle prime uscite esterne. Squadre toste, forti, organizzate, contro cui una sconfitta poteva starci sicuramente, ma ora contro lo Spezia, formazione di tutto rispetto ma non allo stesso livello della Lazio, Fratini e i suoi non possono sbagliare, anche in virtù della gara in meno che hanno rispetto a tre delle quattro compagini che li precedono in classifica. Obiettivo 3 punti come medicina per curare il mal di trasferta.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE