Cerca

DOPO GARA

Roma, Piccareta amareggiato: "Abbiamo regalato un tempo"

L'allenatore giallorosso ha commentato la prestazione dei suoi ragazzi. Molti i complimenti a Boer, e su Esposito...

21 Giugno 2019

Fabrizio Piccareta, allenatore della Roma ©De Cesaris

Fabrizio Piccareta, allenatore della Roma ©De Cesaris

Fabrizio Piccareta, allenatore della Roma ©De Cesaris

La delusione è tanta, il rammarico anche e tutto questo è legittimo, soprattutto se dopo una stagione straordinaria vedi sfumare il sogno Scudetto in finale. Ma la Roma dei record rimane. Quei 126 gol realizzati nella regular season passeranno agli annali, così come il riuscire a portare ben sei giocatori in doppia cifra. Questo però non è bastato ed è stata l'Inter ad esser stata incoronata regina d'Italia, prendendosi con prepotenza quel tricolore cucito proprio sulla casacca giallorossa. Ecco le parole del tecnico Fabrizio Piccareta: "Le nostre grandi qualità, mostrate durante l'anno, in finale si sono viste poco. Resta l'amarezza di aver regalato il primo tempo agli avversari non tanto per aspetti tecnico-tattici, ma più per una sorta di ansia che pervadeva testa e gambe dei ragazzi. Non siamo riusciti ad esprimere il nostro calcio nonostante avessimo davanti una squadra che giocava, ma allo stesso tempo lasciava giocare. Nella seconda frazione ci siamo sbloccati psicologicamente ma poi nel nostro miglior momento abbiamo subito il secondo gol. Voglio fare i complimenti alla mia squadra perchè nonostante il risultato di 3-0 non ha mollato. Avevamo riaperto la gara con una rete ma poi gli episodi non ci hanno favorito. Complimenti all'Inter che ha meritato di vincere questo Scudetto". L'allenatore giallorosso ha poi commentato la prestazione di Pietro Boer, portiere della Roma che, nonostante i tre gol subiti, è stato senza dubbio il migliore tra le fila capitoline: "Nell'ottica del settore giovanile abbiamo messo in mostra un portiere di grande avvenire. Ha già dimostrato di avere caratteristiche importanti ma questa sera si è davvero superato tenendoci in partita. Da quando è arrivato è cresciuto in maniera esponenziale". Piccareta ha concluso parlando di Sebastiano Esposito, l'uomo del momento del calcio giovanile italiano: "Contro un giocatore di tale caratura puoi adottare tutte le contromisure possibili ma il calcio ha delle regole precise: la qualità viene sempre fuori. Ha a disposizione doti tecniche impressionanti che, abbinate a forza, esplosività, fantasta e cattiveria agonista, delineano un calciatore straordinario. Non mi stupisce che ormai sia affermato anche a livello di Primavera. Ha un passo in più degli altri, non dico che abbiamo perso per merito suo ma lui ha concretizzato al meglio le occasioni avute e questo dimostra il grande attaccante che è".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE