Cerca

Focus

Roma: un meraviglioso primo gol nei prof per Flavio Ciuferri

All'esordio stagionale l'ex Lodigiani ha messo la propria firma sul tabellino nel match esterno in casa dell'Ascoli

29 Settembre 2020

Roma: un meraviglioso primo gol nei prof per Flavio Ciuferri

Flavio Ciuferri

La Roma inizia la stagione 2020/2021 come meglio non poteva. Un 1-5 in casa dell'Ascoli che certifica ancora una volta tutto lo strapotere dell'Under 17 capitolina. Perchè anche quando affronti un avversario in difficoltà e con una rosa rimaneggiata, la tua prestazione devi comunque farla, in fondo in porta il pallone mica ci va da solo. La vittoria dei ragazzi di Piccareta non è mai stata in discussione, considerando che al quarto d'ora il punteggio era già di 0-2 in virtù delle reti di Cherubini e Pisilli. Nonistante il lampo di Governatori che ha accorciato le distanze ad inizio secondo tempo, nella ripresa il monologo è sempre lo stesso con la Roma che attacca senza tregua. Ancora Pisilli, ancora Cherubini... 1-4 e partita chiusa. Chiusa perlomeno dal punto di vista del risultato, non sotto l'aspetto emotivo. All'80' Piccareta sostituisce proprio Pisilli per concedere minuti in campo a Flavio Ciuferri, approdato alla corte giallorossa lo scorso gennaio. L'ex Lodigiani mette in mostra subito alcune delle sue abilità migliori. Palla attaccata al piede, rapidità, dribbling ed ecco che a ripetizione si porta a spasso i giocatori dell'Ascoli. Ma dopo appena tre minuti dal suo ingresso in campo si materializza quel momento che sognava da tempo. La Roma sviluppa una manovra sulla corsia di destra, appoggio centrale per Koffi che riceve e serve Ciuferri sui venticinque metri. Stop orientato verso sinistra, un difensore bianconero gli corre incontro per cercare di fermarlo ma ormai è troppo tardi. Dal mancino del gioiellino classe 2004 è già partito un missile terra-aria che finisce proprio dove il portiere non può arrivare. La sfera entra precisa sotto l'incrocio dei pali per il primo gol nei professionisti di Flavio Ciuferri. Per la gioia dei fratelli, di mamma Barbara e papà Giorgio, ma soprattutto per la soddisfazione personale. Il 28 gennaio, dentro una stanza della segreteria della Lodigiani, quegli occhi erano ricolmi di sogni e speranze. Mentre la penna scorreva sul foglio, allo stesso modo un brivido affiorava lungo la schiena di tutti i presenti, perchè quando un ragazzo realizza il proprio sogno, qualunque esso sia, le emozioni non possono essere contenute. E allora vai Flavio, ancora e ancora. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE