Cerca

Focus

Lazio, domenica di derby. Al Tre Fontane Rocchi vuole fare lo sgambetto ai cugini

Sfida cruciale per il continuo della stagione sia in casa giallorossa che biancoceleste, con le aquile pronte a cercare l'impresa nella tana dei lupi

18 Febbraio 2022

Abbraccio Lazio

Abbraccio Lazio (Foto © Torrisi)

Una partita senza eguali, un match da dentro e fuori, in cui la classifica non sempre vale, ma spesso il campo è l’unico giudice competente, ribaltando anche verdetti che sembravano certi. Il derby della capitale è un qualcosa di unico nell’intero panorama calcistico italiano. Talmente emozionante da glorificarti a vita per una giocata decisiva, talmente atteso ed importante da esser pronto a divorarti non appena commenti un errore. Non lascia sicuramente scampo, ma è in grado di farti gioire come poche altre cose su un campo da calcio. Domenica al Tre Fontane scenderanno in campo Roma e Lazio per la diciannovesima giornata di campionato. I giallorossi possono contare su quella che è probabilmente l’annata più florida del loro settore giovanile, in grado di vincere ogni cosa in passato. Da qualche mese la truppa di Scurto però continua a vincere, seppur con maggiore fatica, causa i diversi elementi chiamati da De Rossi in Primavera. Dall’altra parte troveranno le aquile di Tommaso Rocchi, reduci da un mese positivo, in cui la rotta sembra esser stata cambiata, e soprattutto sempre insidiosissime nei big match. Già all’andata il 5-3-2 imbrigliò particolarmente i lupacchiotti, che alla fine si imposero grazie ad un superbo Pagano, nonostante il pareggio momentaneo di Serafini. Al di fuori della sconfitta netta con la SPAL però, i biancocelesti hanno ottenuto risultati importanti con avversari sulla carta superiori. Vittorie di prestigio contro Torino, Inter, Milan, Atalanta ed Empoli, a cui vanno aggiunti i pareggi imposti al Genoa e nella gara di ritorno in casa dei granata. Un rullino sicuramente notevole, macchiato da delle sconfitte brucianti e spesso fragorose quando davanti si avevano compagini del proprio livello. Proprio questa discontinuità ha segnato il percorso della Lazio, che però mai come adesso sembra più consapevole dei propri mezzi, finalmente matura. Nonostante l’enorme emergenza difensiva, con anche Dutu costretto ai box per squalifica, probabilmente Rocchi riproporrà il gettonato 3-4-2-1. Marafini-Rossi è la premiata ditta in mediana, Abatneh e Serafini sulle corsie, con Napolitano ad infiammare le folate di Nori e Legnante là davanti, sempre tenendo in conto la variabile Bigonzoni, sia dal primo minuto o come possibile spacca partita da subentrato. Gli ingredienti per fare uno sgambetto ai cugini ci sono tutti, anche perché uscire con dei punti dal Tre Fontane vorrebbe dire compiere un passo in avanti gigantesco.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE