Cerca

Provinciali

CSL Soccer, la nuova vita di Valente: "Felice di questo percorso"

Il tecnico dell'Under 19 analizza la sua esperienza sulla panchina della compagine tirrenica

25 Febbraio 2020

Tommaso Valente (©De Luca)

Tommaso Valente (©De Luca)

Tommaso Valente (©De Luca)

A 40 anni, non una tappa nella vita come le altre, Tommaso Valente ha appeso gli scarpini al chiodo per dedicare anima e corpo ad un percorso decisamente più impegnativo, quello dell’allenatore. Ex centrocampista sanguigno e dallo spiccato temperamento, Valente è ora mister: dirige la Juniores della Csl Soccer. “Sono contento - commenta il neo trainer rossoblu - di aver intrapreso questo cammino nel mondo del calcio. Il calcio è parte di me, ho dato e ricevuto tanto come giocatore ora voglio mettermi alla prova alla guida di una squadra: iniziare da una Juniores è sicuramente stimolante”. La fascia di età che Valente dirige, con passione e tanta dedizione, è indubbiamente una delle più delicate: rappresenta lo snodo tra il settore giovanile e la prima squadra. “Ho già avuto modo - prosegue il classe 1980 - di poter verificare l’educazione ed il rispetto che caratterizza i ragazzi che alleno: si tratta di un punto di partenza ottimo. Sicuramente nella mia filosofia da tecnico non può mancare il temperamento: presenterò sempre, una squadra dedita alla battaglia”.Maestri, in tal senso, Tommaso Valente ne ha avuti tanti. “Si, i miei mister sono stati tutti ottimi allenatori. Cercherò di prendere del buono da ognuno di loro. Di insegnamenti ne ho avuti veramente parecchi, ne ho fatto sempre tesoro. Ora è giunto il momento di tramandarli, lo sto facendo mettendoci naturalmente anche del mio; i veri valori della vita, il rispetto tra compagni, ed il concetto di gruppo inteso come famiglia, sono i capisaldi del mio credo da tecnico”. Cominciare dai giovani per poi spiccare il volo magari tra i grandi, per entrare a far parte della “next generation” composta attualmente da Michele Zeoli, Daniele Fracassa e Andrea Pacenza. “Non ho fretta -conclude Valente- ma l’ambizione di dirigere una prima squadra innegabilmente è forte. Adesso sono concentrato su questi ragazzi che ho già veramente preso a cuore, poi si vedrà: le sfide mi hanno sempre attratto”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE