Cerca

L'intervista

Tor Tre Teste, parla Buffa: "Aspettative alte ma non basta il nome per vincere"

Il tecnico dei rossoblù non si nasconde e punta in alto in vista della prossima stagione

07 Settembre 2021

Damiano Buffa

Damiano Buffa allenatore Tor Tre Teste (Foto ©Tor Tre Teste)

La Nuova Tor Tre Teste, per storia e tradizione, è una di quelle società che quando gioca lo fa per vincere. Nel girone C, da molti, è considerata come la favorita ma proprio per questo il tecnico Damiano Buffa ci tiene a fare una precisazione: "Quando alleni la Tor Tre Teste le ambizioni sono sempre alte quindi il nostro obiettivo è quello di ad arrivare alle fase finali. C'è da dire però che il girone è equilibrato e non si vince con il nome ma con i fatti. Dando un'occhiata ai tre raggruppamenti c'è molto equilibrio, nel nostro ci sono molte società che hanno le prime squadre e che possono far scendere i fuoriquota, è normale che così diventa più complicato, a maggior ragione per noi che ne siamo sprovvisti ma, nonostante questo, puntiamo in alto". Il pre-campionato è ormai iniziato per tutti e si sta entrando nel vivo ma mister Buffa è alle prese con qualche problema di troppo: "La stagione è cominciata con qualche problemino, abbiamo avuto tanti ragazzi infortunati e tanti casi di positività da Covid, per cui la prima settimana è stata un po' complicata. Adesso ci stiamo riunendo tutti, aspettiamo solo qualche recupero. Nelle prossime due settimane punto ad avere la rosa al completo". Nel week-end la società di via Candiani, è stata protagonista della prima amichevole stagione e, a detta del mister, le sensazioni sono positive: "Sabato abbiamo giocato la prima amichevole con il Certosa. Ci sono state alcune indicazioni positive e alcune meno, ma per essere stata la prima è andata abbastanza bene. Attenzione equilibrio e distanze ci sono. Il gruppo è omogeneo è sta lavorando bene. I nostri ingredienti per fare bene sono quattro: lavoro, impegno, sudore, e appartenenza. Sono sicuro che se li rispetteremo ci toglieremo belle soddisfazioni". Il tecnico conclude poi con un pensiero su Antonio Di Bisceglia, figura storica del calcio laziale nonchè presidente della Tor Tre Teste venuto a mancare in estate: "Per me che sono nato e cresciuto qui, quest'anno sarà il primo anno senza Antonio, sarà strano e mi mancherà tanto".  

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni