Cerca

L'intervista

Ateletico 2000, le parole di Barbato: "Vogliamo arrivare tra le prime 4"

L'esterno biancorosso fa il punto della situazione sulla squadra fissando l'obiettivo stagionale che ad oggi dista solo 2 punti

07 Dicembre 2021

Lorenzo Barbato

Lorenzo Barbato esterno Atletico 2000 (Foto©GazReg)

Lorenzo Barbato è uno dei giocatori più importanti che fanno parte della rosa dell'Atletico 2000 di Luciano Gentile e, grazie alla sua duttilità e capacità tecnica, risulta spesso uno dei migliori dei suoi. Nel turno contro la Tor Tre Teste era stato decisivo ai fini della rimonta ma, nell'ultima gara contro l'Audace, non è riuscito a mettere lo zampino vincente. Queste le sue impressioni sul cammino della sua squadra: "I risultati non sono mai casuali. In settimana ci alleniamo sempre bene e la vittoria dello scorso turno in casa della Tor Tre Teste ci ha aiutato a darci la giusta consapevolezza nei nostri mezzi. Sabato con l'Audace sapevamo che non potevamo abbassare la guardia perchè si trattava di uno scontro diretto e perchè sapevamo della forza dei nostri avversari, ma purtroppo abbiamo pareggiato. Dico purtroppo perchè a mio avviso avremmo meritato di vincere viste le molte occasioni create. Una volta andati in vantaggio non siamo riusciti a raddoppiare e proprio per questo i nostri avversari ci hanno ripreso. Alla fine con merito siamo riusciti a portare almeno un punto a casa, ma c'è un po' di rammarico. Il nostro obiettivo stagionale è quello di arrivare a giocarci le finali, siamo gruppo unito e possiamo farcela". Dopo aver fatto il punto della situazione sulla squadra, a Lorenzo chiediamo dei suoi obiettivi personali: "Voglio crescere il più possibile sotto tutti i punti di vista, non solo sportivo. Alla fine dell'anno spero di essere pronto per poter fare il salto in una prima squadra, magari Eccellenza o Serie D, ma comunque nel mio futuro ci vedo sempre il calcio. Riguardo il mio stile di gioco cerco di essere più unico possibile prendendo spunto da giocatori mancini come Asensio, Mahrez, ma potrei fare tantissimi nomi. A seconda della posizione dove mi fa giocare il mister cerco di emulare alcune loro giocate, ma come ho già detto il mio obiettivo è quello di avere un mio stile di gioco, senza assomigliare a nessuno". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE