Cerca

dopo gara

Romulea, Rubenni : "Una sconfitta che ci aiuterà a crescere e migliorare"

Il tecnico amaranto oro analizza la sconfitta nel big match contro il Tor di Quinto 

20 Dicembre 2021

Andrea Rubenni

Andrea Rubenni allenatore della Romulea (Foto©DeCesaris)

La gara tra Tor di Quinto e Romulea valeva tanto in termini di classifica e la vittoria per 1-0 da parte dei rossoblù ha fatto registrare la prima sconfitta stagionale per gli amaranto oro. Ora la vetta del campionato appartiene al club di via del Baiardo e il tecnico Andrea Rubenni, a fine gara, ha commentato la prestazione dei suoi ragazzi e l'andamento dei 90' minuti: "Non sono contento del risultato ma sapevamo che andavamo ad affrontare una partita di questo tipo: Durante la settimana l'avevamo preparata bene e nei primi 15' minuti, in parte, si sono viste buone cose. Abbiamo creato 2-3 ottime occasioni ma dopo si è concretizzata quella che era una mia paura. In partite del genere, avere in campo giocatori giovani, tanti 2004 e qualche 2003, non è semplice soprattutto contro una squadra esperta come il Tor di Quinto. Serviva un po' di malizia in più che ci è mancata. Dopo in buon inizio loro sono usciti in maniera forte vincendo tutti i duelli in mezzo al campo, chiudendoci tutti gli spazi e non facendoci ripartire. Ci è mancata la qualità dei nostri giocatori perchè sono stati marcati stretti. Noi abbiamo comunque provato delle soluzioni ma il fatto di non essere abituati a un campo così duro dove il controllo della palla non è semplice ci ha leggermente penalizzato. Inoltre i miei ragazzi hanno un po' sentito la partita, sono giovani e ci può stare: le emozioni e la voglia di strafare hanno preso il sopravvento in certe situazioni hanno portato aa commettere degli errori. La partita alla fine poteva anche finire in pareggio però faccio i complimenti al Tor di Quinto perchè l'hanno impostata bene, chiudendo gli spazi e cercando la palla sopra. Una volta che hanno trovato la via del gol, sono stati bravi a chiudersi e a fare la guerra su ogni palla, cosa che a noi ancora non riesce bene. Proprio da questi spunti noi dobbiamo ripartire e migliorarci. Questo tipo di partite ti aiutano e servono a capire dove e come migliorare. Dobbiamo essere più cattivi, più cinici e guardarci di meno allo specchio. Detto questo però non posso dire nulla ai miei giocatori,  hanno dato tutto e gli faccio i complimenti. Il mio gruppo sta facendo un campionato di alto livello e adesso pensiamo subito alla partita con l'Accademia Sporting Roma di mercoledì. Durante la pausa e sotto le feste, caricheremo le batterie. Il campionato è lungo e nel girone di ritorno avremo gli scontri diretti in casa,  per noi sarà un leggero vantaggio ma le partite e le vittorie vanno sempre guadagnate sul campo".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE