Cerca

nazionali

A tu per tu con Miccio: "Il girone laziale, la mia Cynthialbalonga, l'Under 17 e 15"

Il tecnico dei castellani si racconta, tra la stagione con la sua squadra e le previsioni dei campionati in cui è stato protagonista

09 Marzo 2022

A tu per tu con Miccio: "Il girone laziale, la mia Cynthialbalonga, l'Under 17 e 15"

Luigi Miccio è senza dubbio uno dei tecnici più preparati all’interno del panorama calcistico laziale. Il suo curriculum è notevole e spicca l’esperienza nel settore giovanile della Nocerina e la guida delle categorie U15 e U17 della Vigor Perconti, con il quale ha vinto due titoli Regionali (gli ultimi in casa blaugrana). IN questa stagione, il tecnico è alla guida della U19 Nazionale della Cynthialbalonga, e viaggia spedito verso la conquista in un posto nella zona play off. I castellani si trovano in 4° posizione con 37 punti, ma li davanti la classifica è corta e la squadra di Miccio può senza dubbio ambire al primato. Nella nostra piacevole chiacchierata con il tecnico, è emerso come il mister sia ampiamente soddisfatto del lavoro della sua squadra, ma soprattutto di come sia felice all’interno della Cynthialbalonga, spendendo parole al miele per la società: "Naturalmente sono soddisfatto di quello che sta facendo la squadra. Ritengo che più degli altri anni il campionato di Juniores Nazionale sia estremamente competitivo, perché se è vero che i criteri di strutturazione dei gironi post Covid ci hanno tolto la possibilità di confrontarci con le realtà di altre regioni, che per una serie di motivi per i ragazzi sono esperienze estremamente arricchenti, è altrettanto vero che la competitività del girone laziale e delle Juniores di serie D è veramente alta. Ci sono squadre che sono strutturate con un livello qualitativo e di altissimo profilo. Parlo dell'Ostiamare, parlo del Montespaccato, del Trastevere, ovviamente ci siamo anche noi, ma ci sono anche altre realtà che secondo me rappresentano delle sorprese in positivo. In questo scorcio di stagione ho apprezzato moltissimo l’Atletico Terme Fiuggi che a mio avviso gioca un calcio estremamente propositivo, inoltre c’è il Real Monterotondo Scalo, un avversario che nella partita secca può dar fastidio a chiunque. Poi ci sono squadre che per tradizione e blasone, vedi l'Aprilia e l'Artena, che lottano e sono sempre pericolose. Quindi è un girone estremamente complicato e dove secondo me regnerà l’incertezza fino all'ultimo – continua poi parlando della sua società -  Parlando della mia Cynthialbalonga posso dire che la competitività di una squadra è molto legata alla validità della struttura societaria, e noi da questo punto di vista possiamo vantare un Presidente estremamente appassionato e attento come Camerini, su una stretta collaborazione con tutto lo staff tecnico e dirigenziale della prima squadra e su una organizzazione del settore giovanile che è coordinato dai direttori Bianchi, Piangerelli con la collaborazione di Luca Emili. Devo dire che riusciamo a lavorare nel migliore dei modi e personalmente mi trovo molto bene alla Cynthialbalonga perché, al di là di questa possibilità di lavorare ambiente estremamente professionale e serio, non manca la familiarità e l'attenzione ai rapporti umani che almeno personalmente ritengo determinante per fare in modo che il mio lavoro poi si completi nel migliore dei modi". Come dicevamo prima, Luigi Miccio è uno dei tecnici più preparati all’interno del nostro calcio, e quando gli chiediamo come si sta trovando con questi ragazzi e come sta strutturando il suo lavoro a livello tecnico-tattico, mostra molto soddisfazione: "Con i ragazzi sapevamo che ci attendeva un lavoro dal punto di vista tecnico estremamente notevole, perché dovevamo andare ad integrare quelle che erano le risorse già presenti nella scorsa stagione (estremamente valide relative al gruppo 2003) che, nonostante la presenza del Covid l'anno scorso, avevo avuto comunque avuto modo di conoscere, con il gruppo dei 2004 che ben si stava comportando nel campionato Allievi Elite. Chiaramente ho dovuto lavorare ed integrare diverse personalità e le diverse unicità che ogni ragazzo porta con sé dal punto di vista anche tecnico, e non era un lavoro di poco conto. Da questo punto di vista ho trovato dei ragazzi molto orientati ad ascoltare, curiosi e disponibili a lavorare, una cosa che ritengo estremamente rara da riscontrare nella generazione di oggi. Molti miei ragazzi, quando gli si propone qualcosa, tentano di venire a capire perché gliela si propone e quali possono essere i vantaggi che quella determinata proposta gli può portare.Dal punto di vista tattico, come tutti gli allenatori, credo, anche se non voglio filosofeggiare. Ritengo che la nostra missione sia quella di fare in modo che dal punto di vista collettivo la nostra squadra sappia far tutto, sappia difendere insieme e attaccare insieme e abbia l'ambizione di giocare partite, controllando e dominandole. Però poi questo nella realtà non è sempre possibile e allora secondo me diventa importante, soprattutto alle soglie della prima squadra, fa capire ai ragazzi che è determinante riuscire ad avere le corrette letture, perché una gara è fatta di tanti piccoli momenti in cui serve la capacità di essere sia incudine che martello. Ripeto, l'idea di base è quella di cercare di prevalere sui nostri avversari attraverso il gioco e il dominio della contesa e quindi, con una mentalità naturalmente propositiva, però bisogna anche saper soffrire e saper difendere con ordine. È importante che i ragazzi capiscano che e alle soglie del calcio vero, alcune volte le partite si decidono anche in maniera sporca e bisogna saperle in portare a casa". Il tecnico dei castellani, oltre ad essere un grande conoscitore di calcio, è stato anche l’ultimo mister a portare a casa il titolo Regionale per la Vigor Perconti, con le categorie U15 e U17. Due traguardi importanti che lo hanno consacrato all’interno del panorama calcistico laziale e, proprio per questo, gli abbiamo chiesto se segue ancora queste categorie e chi per lui è la favorita per la vittoria finale: "Naturalmente sì, rimango legato alle categorie Under 15 e Under 17, è sempre bello seguire i campionati Elite della nostra regione, perché il livello di competitività è sempre altissimo. Quello che mi sta colpendo è che, accanto alle solite note che poi è da anni si contendono titoli regionali e danno lustro alla nostra attività dilettantistica regionale a livello nazionale, si stanno affacciando delle realtà che lavorano con grandissima qualità e che sono sempre più vicine ai riferimenti tracciati dalle realtà di maggiore rilievo della nostra regione, che posso individuare naturalmente in Vigor Perconti, Urbetevere, Tor di Quinto, Tor Tre Teste, Romulea, Savio e via dicendo. Per quanto riguarda l’Under 15, credo che ci siano diverse squadre che puntano al titolo ma se dovessi spendere una fiches, probabilmente lo farei sulla Tor Tre Teste di mister Mei, che tra l'altro è anche un amico è quindi gli auguro di poter centrare il titolo Regionale. Per quanto riguarda invece l’Under 17, mi sembra che quello a cui mi riferivo prima sia ancora più evidente e più marcato. Ci sono tantissime realtà che con un lavoro che parte da lontano, stanno cercando di insidiare la leadership delle top che ho menzionato in precedenza. Mi viene da pensare al Grifone, alla nostra stessa Cynthialbalonga, che mister Spiridigliozzi che sta facendo crescere in maniera notevole, la Polisportiva Carso, l’ottimo lavoro che stanno facendo ad Ottavia, insomma anche qui sarà un viaggio magnifico, nel quale però, il pronostico, al di là dell'eccezione che ho fatto prima per mister Mei, mi risulta davvero difficile da fare. Credo che però difficilmente il titolo Regionale Allievi credo potrà andare in questo caso ad una ad una realtà diversa da una delle top che credo se lo contenderanno fino all'ultimo, parlo di Tor Tre Teste, Savio, Vigor Perconti e la Lodigiani, che merita una menzione per il grande campionato che sta facendo e sono sicuro che lotteranno fino alla fine".

 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE