Cerca

L'intervista

Virtus Torre Maura, Cisaria: "Servono interventi concreti"

Il responsabile della scuola calcio auspica interventi mirati e concreti da parte delle istituzioni al fine di sostenere lo sport giovanile

20 Aprile 2021

Francesco Cisaria

Francesco Cisaria, responsabile scuola calcio Virtus Torre Maura

Pensieri e parole di Francesco Cisaria, responsabile della scuola calcio Virtus Torre Maura: "La scuola calcio Virtus si è allineata con le direttive dell'ufficio sport e della FIGC, svolgendo gli allenamenti in forma individuale e con distanziamento fra i partecipanti. Naturalmente il nostro compito è stato quello di far capire ai ragazzi la necessità di prendere precauzioni anti-Covid durante la loro permanenza presso l'impianto sportivo. Le difficoltà sono emerse fra i più piccoli, che hanno dovuto far a meno delle consuete partitine ma, anche loro, si sono presto adeguati alle nuove modalità. Tutti i ragazzi, in questo lungo e terribile periodo, hanno dimostrato capacità di adattamento e senso di responsabilità. La voglia di praticare calcio e di incontrarsi con i propri compagni hanno prevalso sui problemi relativi al Coronavirus". Il responsabile ha poi ringraziato chi, nonostante tutto, non si è arreso davanti alle difficoltà: "Devo ringraziare le famiglie dei nostri iscritti che hanno sempre collaborato confermando la fiducia riposta in noi e nel nostro lavoro. Ringrazio anche i tecnici, che si sono prodigati, adeguando la didattica alle stringenti disposizioni e nella continua opera di controllo sugli allievi. Grazie alla dirigenza che ci ha sostenuto e supportato, facilitandoci il compito. L'alternanza dei colori, con relativi stop e ripartenze, non hanno dato scossoni all'attività, tutti i ragazzi tornavano più motivati ad ogni riapertura. Sicuramente si tratta di una fase epocale, che ha fatto e farà ancora molti danni, sotto diversi punti di vista". Francesco Cisaria ha infine concluso: "Mi auguro che si possa, anche se lentamente, tornare alla normalità, per restituire ai nostri giovani il diritto al gioco, alla socialità ed alla spensieratezza. La nostra società ha subito duri colpi, come tutti. Auspico che le istituzioni intervengano per consentire allo sport di risollevarsi. L'intervento deve essere però concreto, in proporzione all'enorme valore sociale, formativo ed educativo che lo sport giovanile riveste”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE