Cerca

FOCUS

Il potere del Panteron: David Zettera gol-star del Frosinone

ll fantasista ciociaro sceglie sempre i momenti giusti per segnare. Dalla trasferta di Crotone al big match col Napoli, fino allo 0-1 in casa dell'Ascoli

19 Febbraio 2020

Frosinone, David Zettera ©DelGobbo

Frosinone, David Zettera ©DelGobbo

Frosinone, David Zettera ©DelGobbo

Corri, gioca, lotta, sorridi e cresci. L'augurio del padre Stefano per il suo compleanno è stato a dir poco visionario. Se nell'Elite la questione era da "Elementare Watson" nei Nazionali il gomitolo da srotolare è di tutt'altra sostanza. La valanga giallazzurra del Frosinone che siede sul trono d'Italia ha tanti elementi dalla combinazione magica: aria, terra, acqua, grinta, tigna, e fuoco. Ecco, l'ultimo è quello che riveste con una corazza da drago il fantasista, David Zettera. Non è ancora tempo di bilanci, i numeri si snocciolano a fine stagione, ma il periodo delle scelte sì. E Lorenzo Carinci, deus ex machina di Carincilandia, può lasciarsi andare all'ottimismo perché il ventaglio di possibilità lì davanti è da gran gourmet. 


Che musica in trasferta! DZ e i blitz

Al Panteron il vento del destino assegna il ruolo di protagonista in giornate mai banali. In particolare, lontano dalla House of Football di Ferentino, l'ispirazione è al picco massimo: primo graffio nell'1-3 di Crotone, poi la perla nel big match contro il Napoli e domenica al Picchio Village il bolide spaccapartita per piegare l'Ascoli. Fedele alle sue caratteristiche, dal quale deriva il soprannome da felino, DZ11 è amante del blitz improvviso e non è semplice somma algebrica di talento individuale e genetica, ma anche di doti umane e di valori non indifferenti. Un ragazzo diventato sergente, baby-campione e anche un po' eroe. Un lavoro paziente e sapiente, dal Castelliri all'Accademia Frosinone e ora nel top club dei leoni, perfezionato negli anni. Trampolino di lancio per tentare di far collimare coraggio e ambizioni. Ogni tocco diventa un inno di eleganza e tecnica. Ci voleva un Panteron per portare il Frosinone sulle stelle. Provate ad arrampicarvi sulle spalle di David, da lì si vede tutto meglio quando stacca di testa sui corner perfetti di Cipolla. Si vedono anche orizzonti impensabili. Sulla cima si osserva tutto: un ragazzo cresciuto a Isola del Liri, che stringe la penna dei grandi scrittori e abbraccia e colora il suo destino. Dalla prospettiva di David Zettera è tutto più bello. E si può parlare anche di finali. Prologo dello spettacolo puro. Per un epilogo tutto da scrivere. Col marchio del Panteron. 




Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE