Cerca

Dopo gara

Monte Savoia, Tassi pigliatutto: "Abbiamo saputo soffrire"

Parola al man of the match dell'Abbatini, con il numero 23 che commenta così l'impresa di Genzano

15 Ottobre 2018

Tassi abbracciato dai propri compagni (©Vamos)

Tassi abbracciato dai propri compagni (©Vamos)

Tassi abbracciato dai propri compagni (©Vamos)

Una prestazione da 9 in pagella, a nostro giudizio, con interventi sensazionali e che hanno fatto al differenza. La prova di Riccardo Tassi a Genzano contro Cynthia, ha contribuito pesantemente al ritorno ai tre punti del Montespaccato Savoia di mister Marcello Belli. La squadra romana si è infatti rialzata dopo due sconfitte consecutive (tra campionato e Coppa), battendo in trasferta una formazione temibilissima e che ha provato ad arrivare al successo in tutti i modi. Salvatore Nanci ha timbrato il vantaggio dei capitolini, mentre Aimone Calì ha messo dentro il raddoppio (8° centro in campionato). Per tutto il resto ci ha poi pensato l'ultimo baluardo del Montespaccato, con il numero 23 autore di due super parate nel primo tempo e di quella, altrettanto strepitosa, ad inizio ripresa sul calcio di rigore di Luca Mucili. Il portiere scuola Roma ha tenuto i suoi piedi in diverse circostanze, trasmettendo fiducia e sicurezza a tutta la squadra.


“Al di là della mia prestazione - esordisce il "Colonnello Von Tassen" - comunque importante, ieri è stata brava tutta la squadra. Abbiamo disputato una gara di grandissimo sacrificio e, a differenza magari di Ronciglione o altre circostanze, siamo restati compatti e siamo riusciti a tenere botta. Abbiamo affrontato una squadra valida e che ci ha messo in difficoltà per lunghissimi tratti, ma non ci siamo fatti cogliere impreparati. Ieri ho visto molta maturità ed è stata una vittoria importante, che ci ridà morale in vista dei prossimi impegni”.


Nel prossimo turno per il Monte Savoia ci sarà un Real Monterotondo Scalo in versione super e che arriva alla sfida da primo in classifica. “È vero, loro stanno facendo benissimo e ci sarà da aspettarsi una partita sicuramente piacevole sotto il profilo dello spettacolo. In questo campionato ogni gara sarà complicata. Il livello è molto equilibrato e soprattutto nel nostro girone. Può accadere sempre di tutto. Da parte nostra ci riteniamo per adesso soddisfatti, secondo me stiamo facendo un campionato onesto per quelle che erano le previsioni iniziali”.


Tornando infine sulla prova magistrale del numero 23 all'Abbatini, abbiamo chiesto al portiere quale sia stata la parata più impegnativa. “Sicuramente sul primo intervento (quello su Visconti n.d.r.) sono entrati in gioco diversi fattori. Avevo la visuale coperta, c'era fango e la palla mi è rimbalzata davanti, quindi credo sia stata più difficile questa. Per quanto riguarda invece il calcio di rigore era diventato il mio cruccio, ultimamente mi era capitato di toccare soltanto la palla che finiva poi in rete. Volevo prenderlo a tutti i costi - conlcude il portiere - lo aveva anche calciato bene ed è stato un bel gesto tecnico”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE